LE PRIORITA’ DELLA REGIONE ABRUZZO

thumbnail default image

Siamo in campagna elettorale, c’è aria di confronto elettorale su temi. È questo è un bene. Riceviamo tante richieste che riguardano documenti ed analisi sulla situazione reale in Abruzzo. Sono i candidati e diversi addetti delle associazioni sindacali, imprenditoriali ed istituzionali (per brevità li indico con questa poco elegante terminologia).   A loro abbiamo indicato il nostro sito, per prelevare notizie, infatti www.focusabruzzo.eu  contiene elaborati e scritti utili a chi vuole avere una informazione indipendente, lo abbiamo detto anche in altre occasioni.

Inoltre anche grazie ad una documentazione prodotta dal Dott. Aldo Ronci, basata su ricerche, statistiche e riflessioni possiamo anche comprendere perché LE PRIORITÀ DELLA REGIONE ABRUZZO sono rappresentate da:  

  • SANITÀ
  • INNOVAZIONE DEL SISTEMA PRODUTTIVO
  • SVILUPPO EQUILIBRATO ANCHE DELLE AREE INTERNE

 Abbiamo lette con attenzione le riflessioni contenute nella ricerca, che pubblicheremo sul nostro sito, ripeto www.focusabuzzo.eu e quindi sottolineiamo che le priorità non sono neutre, anzi richiedono una modifica delle scelte programmatiche che si sono accumulate, negli anni nella nostra Regione

 Il nuovo governo regionale dovrà quindi occuparsi di : diritto alla salute, occupazione ed imprese, efficacia programmatica.  Unitamente alle infrastrutture di logistica e mobilità, ma anche digitali e culturali, ed ambientali.

 1) SANITÀ PER TUTTI DIFFUSA SULL’INTERO TERRITORIO

La Sanità Abruzzese, dopo la cura del commissariamento, e dei tagli di ragioneria applicata vive anche con lo spreco di risorse in atto. Gli interventi urgenti, sono i seguenti:

  • Smetterla con una politica iniqua delle entrate  per ticket,  perché  gli  Abruzzesi stanno rinunciando alle cure anche per motivi economici;
  • Il mancato turn over provoca una diminuzione dei costi del personale, mentre peggiorano i servizi. Nuovo personale sanitario, correggere il Governo Nazionale per mettere fine al blocco delle assunzioni. Se si vuole abbattere i tempi delle liste di attesa e della mobilità passiva interregionale.

No alla sforbiciata della sanità, al contrario urge un progetto di riqualificazione   degli ospedali delle zone interne, e risposte alle conseguenze del depotenziamento dei servizi ospedalieri e sanitari. ( Urgono Servizi posti letto extra ospedalieri, Casa della salute, Medina del territorio, etc). Perché tutti i cittadini hanno diritto :

  • a ricevere prestazioni sanitarie di qualità anche quelli che vivono nelle aree interne;  ad essere curati, per quanto possibile a domicilio, da una sanità vicina attraverso una rete sanitaria territoriale efficiente.

2) INNOVAZIONE NEL SISTEMA PRODUTTIVO

I dati unanimemente, con poche luci e tante ombre,  ci dicono che l’economia abruzzese versa in uno stato di grave crisi, con due dinamiche contraddittorie:

  • una abbastanza positiva, quella delle medie e grandi imprese;
  • l’altra sofferente, quella delle piccole e micro imprese soprattutto artigiane.

Quindi diventano fondamentali interventi che vanno dalle infrastrutture  agli incentivi per la facilitazione nella concessione del credito; dall’abbassamento delle imposte  alla semplificazione amministrativa.

Misure per innescare processi di sviluppo, utili al miglioramento della competitività delle imprese, in particolare delle micro-imprese che rappresentano il 96% del totale delle imprese e impiegano il 56% degli occupati.

3) SVILUPPO EQUILIBRATO ANCHE DELLE AREE INTERNE

E’ necessario rimettere al centro delle politiche di programmazione regionale le 7 Aree Urbane Funzionali (come individuate dal QRRR del 2000).

L’Abruzzo non può rinunciare ad una politica incentrata sull’equilibrio tra grandi aree urbane e aree interne. È necessario bloccare la tendenza alla desertificazione (spopolamento invecchiamento, dalla perdita di imprese, dalla diminuzione degli  occupati e dall’aumento dei disoccupati) .

  • Con la tutela dell’ambiente;
  • Con efficaci politiche di sviluppo;
  • Con una mirata progettazione strategica;
  • Con la garanzia alle popolazioni che vi risiedono dei servizi essenziali  alla mobilità,  alla tutela della salute e della istruzione.

 

PS. Il documento elaborato dal Dott. Aldo Ronci è scaricabile dall’icona Economia ed Occupazione, oppure direttamente con la manina sul titolo:

 

LE PRIORITA’ DELLA REGIONE ABRUZZO 

VIDEO: Le tre priorità per l’Abruzzo