Sciopero operatori sanitari: convocazione Consiglio regionale straordinario.

SCIOMAN

Premetto che sento il dovere di proporre, alle Forze politiche più attente, una iniziativa: la convocazione di un Consiglio Regionale straordinario. Sono le motivazioni poste alla base della iniziativa di lotta con lo Sciopero degli operatori della sanità che richiede una discussione profonda.

Alle prese con un contratto fermo da 10 anni, con risorse che diminuiscono ed  un organico anziano e non sufficiente. Ma mancano le risorse, organico insufficiente, età media elevata

Queste sono le ragioni che hanno portato i medici, insieme ad altre figure e ruolo professionali del sistema sanitario italiano, allo sciopero nazionale di venerdì 23 novembre. Medici, veterinari e dirigenti sanitari stanchi ed usurati dalla vane promesse, hanno incrociate le braccia, garantendo i servizi minimi essenziali, per rivendicare il rinnovo di un contratto fermo da dieci anni. Aggiungo: l’unico del pubblico impiego a non essere ancora stato rinnovato.                                                                                                                                                                  Non solo, come da tempo descrivo, tramite la trasmissione su TVQ, è la sanità abruzzese a vivere una stagione particolare ed è chiamata a conoscere, partecipare, a solidarizzare, ad una iniziativa così importante.                        In dettaglio per l’Abruzzo, a fronte di una carenza del personale sanitario, incombe una età media del personale medico, per l’eccesso di mancato ricambio, di proporzioni enormi.                                                                         Allora urge un nuovo contratto,  immediatamente procedere alla stabilizzazione del  personale che già opera nella sanità ed a nuove assunzioni.                                                                                                                                    Infatti , se possiamo additare le responsabilità al blocco del turn  over, causato dalle leggi nazionali che ha causato gravi problemi di carenza di personale, provocando  situazioni stressanti per gli operatori sanitari, con turni ed orari di lavoro massacranti , c’è qualche cosa in più che riguarda questa regione.                                                                   Il tavolo di verifica, il commissario, impegnati nella riduzione del deficit sanitario abruzzese, hanno privilegiato,  tra i parametri indicati nel piano di rientro per il contenimento della spesa sanitaria, quello relativo alla spesa del personale che non solo è stato sempre rispettato, ma addirittura il risparmio ottenuto è stato notevolmente superiore a quello previsto.                                                                                                                                        Infatti, tra i risultati della fase di transizione della  gestione tra la Giunta Regionale passata e quella attuale, per un periodo lungo governata dal regime commissariale, cioè tra l’anno 2013 e l’anno 2017, è emersa una insopportabile  diminuzione di risorse a disposizione, per la crescita quantitativa e qualitativa delle risorse umane da mettere al lavoro nei servizi sanitari delle ASL abruzzesi.

Voci di costo codice Anno 2013 Anno 2017 Differenza
Costo del personale BA2080 759.716 747.036 -12680

Cioè le risorse per il personale hanno subito  un decremento pari ad euro  12.680.000 (-1,7%).                                                                                                                                                                                                                   Questo decremento ha un’origine, in quando l’Abruzzo era compresa nell’area delle cosiddette Regioni Canaglia per deficit eccessivo.                                                                                                                                                             La verità è che negli anni passati non si è intervenuti, dove si annidava uno spreco di risorse, anzi sulla spesa farmaceutica, si  è sistematicamente sforato  rispetto alle indicazioni del  piano.                                                              Dati  contenuti nelle Tabelle CEE dei consolidati economici, già nelle mani del Ministero della salute, accompagnati dalla sconcertante diminuzione dei ricavi per prestazioni sanitarie e da Ticket.                                                           Una deriva che deve essere interrotta, ecco perché i cittadini devono schierarsi a sostegno dei motivi dello sciopero, anzi, potrebbe divenire allarmante in virtù della possibilità di giungere ai nuovi pensionamenti previsti per effetto dell’annunciata introduzione della quota 100”. Un disagio che si somma alle vaste sacche di precariato che la categoria paga. Con personale della Dirigenza  precario e soggetta a contratti atipici.                                            Mentre mancano all’appello le borse di specializzazione.                                                                                               A questo quadro si  sommano poi le risorse inadeguate sul Fondo sanitario nazionale e per il personale della dirigenza  impoveriti di ca. un miliardo di euro.

“Il ‘Governo del cambiamento’ deve uscire dalle incertezze sul finanziamento del  servizio sanitario pubblico.

Rispettare il lavoro dei professionisti, dei talenti e degli operatori sanitari abruzzesi, che da anni garantiscono il diritto alla salute, ma vengono umiliati da condizioni di lavoro inaccettabili e da retribuzioni economiche mortificanti rispetto a quelle del privato e degli altri paesi europei.